Ultime sulla pirateria somala

La pirateria marittima registra un nuovo episodio di cronaca non esaltante.

Secondo notizie degli ultimi giorni tredici pirati somali, catturati due settimane fa dopo aver tentato di assaltare una nave che batteva bandiera del Togo da un’unità militare danese impegnata nei pattugliamenti della task force europea al largo delle coste del Corno d’Africa, sono stati rilasciati e trasferiti a terra in Somalia. E ciò perché sanzionare, processare e imprigionare i tredici pirati somali, catturati due settimane fa a bordo di un barchino dove erano state trovate armi automatiche, rampini, bazooka e numerose munizioni, sarebbe complicato, pericoloso e foriero di indesiderate ritorsioni, cui Danimarca ed Europa non vogliono evidentemente essere esposte. Continua a leggere

CASD – 3rd International Conference on the Mediterranean Region

L’Associazione Culturale O.Me.R.O. parteciperà ai lavori della 3^ Conferenza Internazionale sul Mediterraneo, organizzata dal Centro Alti Studi per la Difesa, che si terrà nei giorni 19-20 Novembre 2009 presso la sede istituzionale di Palazzo Salviati in Roma.


Nuova svolta nelle relazioni diplomatiche fra Turchia ed Armenia

armenia-turkey_soccer

Sabato scorso, 10 Ottobre, i rappresentanti di Turchia ed Armenia hanno firmato in Svizzera i protocolli d’intesa per una normalizzazione delle relazioni bilaterali. Tali accordi dispongono che venga riaperta la frontiera turco-armena, che vengano ristabilite relazioni diplomatiche fra i due  Stati e che l’annosa questione del genocidio armeno sia affidata ad una commissione di storici per la sua indagine oggettiva. Continua a leggere

Convegno OSN: Sicurezza nazionale – Sinergie operative

L’Associazione Culturale O.Me.R.O. parteciperà ai lavori del Secondo Convegno dell’OSN – Osservatorio Sicurezza Nazionale – del 24 Giugno 2009 in qualità di socio fondatore.

 

image001

Per Israele non c’è emergenza umanitaria a Gaza

L’operazione “Piombo fuso” va avanti. Il governo israeliano, in vista delle prossime elezioni, cerca di dare un’immagine di forza e di intransigenza.

palestina-donne_340x216La Comunità internazionale, rimasta a guardare all’inizio delle operazioni, si è mossa di fronte ad una reazione oramai considerata enormemente sproporzionata. Ci si muove su più fronti, dalla diplomazia internazionale alle mobilitazioni di gruppi e associazioni. Ma con un imperdonabile ritardo. Continua a leggere