CASD – 3rd International Conference on the Mediterranean Region

L’Associazione Culturale O.Me.R.O. parteciperà ai lavori della 3^ Conferenza Internazionale sul Mediterraneo, organizzata dal Centro Alti Studi per la Difesa, che si terrà nei giorni 19-20 Novembre 2009 presso la sede istituzionale di Palazzo Salviati in Roma.


La Turchia dirige la diplomazia mediorientale sulle note del Nabucco

south stream and nabucco_gas_map

Non sappiamo quanto tempo ancora ci vorrà perché si firmi la risoluzione del contenzioso diplomatico tra Turchia e Armenia circa la definizione (genocidio? repressione?) della strage armena 1915 operata dall’Impero Ottomano. Senza di essa, la Turchia lo sa bene, non ci sarà posto in Europa per lei. Ultimamente però non sembra curarsene molto. Dopo lo schiaffo ricevuto da Francia e Germania, l’opinione pubblica si è disaffezionata al Vecchio Continente e ha cercato di costruire una sua identità internazionale potenziando il suo ruolo di pedina fondamentale nel gioco diplomatico mediorientale. Riuscendoci con discreta efficacia.

Continua a leggere

Architettura: una prospettiva differente

Resoconto dell’incontro con l’Arch. Lorenzo Romito, Presidente dell’Associazione Culturale Stalker rientrato in Italia dalla seconda Riwaq – Biennale di Ramallah – (www.riwaqbiennale.org) dove ha partecipato al seminario ”One City” organizzato dall’architetto Pretti.

Nel corso dei decenni, all’interno della Comunità Internazionale ha prevalso un’impostazione “top-down” nella ricerca di una soluzione definitiva della Questione Palestinese. Si è cercato di calare dall’alto un piano ad hoc, preciso e perfetto, che potesse in un colpo solo fare felici entrambi i Popoli, eliminando questo problema dall’Agenda politica internazionale. Dato il perpetuarsi della sanguinosa lotta per la sopravvivenza, potrebbe essere giunto il momento di affrontare la situazione con una visione radicalmente opposta, incentrata su un’impostazione di tipo “bottom-up” che, valutando il nascere di una strategia di cambiamento proveniente dalle popolazioni, possa investire le politiche, le ideologie e gli interessi di tutti i soggetti attivi in Palestina. Continua a leggere