8 Km per annientare Hamas. Alleanza fra Israele e le potenze arabe per ridimensionare l’Iran

Mentre si discute sul piano per la fine delle ostilità proposto da Egitto e Francia con l’appoggio degli Usa, si contano le vittime dei 12 giorni dell’operazione  militare israeliana “Piombo fuso” che nella Striscia di Gaza ha già causato più di 630 morti e migliaia di feriti.  L’ennesima operazione militare israeliana è stata lanciata alla fine del 2008 in un territorio palestinese riconosciuto internazionalmente. Continua a leggere

Obama-Livni: “Israele sogna la pace con i palestinesi”

L’elezione del 4 novembre 2008 segna il nuovo corso della politica non solo americana ma mondiale. In Europa si pensa all’economia, in Russia si pensa alla distensione dopo la guerra di Georgia e prima della crisi in Crimea e in Medio Oriente si pensa alla pace.

Continua a leggere

Indipendenze variabili: anche la Crimea sogna la secessione

La crisi finanziaria sta offrendo alla Federazione Russa l’opportunità di estendere la sua influenza su un altro lembo europeo, dopo la paventata estensione delle acque territoriali artiche attraverso spedizioni scientifiche condotte sulla piattaforma del polo nord, ora la democratica Islanda dell’ultima ora potrebbe entrare nell’orbita economica-fiduciaria russa, un altro tassello che si potrebbe aggiungere in maniera completamente diversa alla creazione di quella sfera di influenza che ha posto le due repubbliche di Ossezia del sud e Abkhazia sotto l’ombrello russo.

Continua a leggere

Indipendenze variabili: e se l’Europa dimentica la Bosnia?

La recente lezione di diritto internazionale che la Federazione Russa ha impartito al mondo sembra aver posto le basi per la dottrina Monroe del 21esimo secolo: dopo il Kosovo, ora piccoli lembi di territorio caucasico si dichiarano indipendenti e chiedono di sedersi al tavolo delle Nazioni Unite. Nella crisi finanziaria mondiale scoppiata a ridosso delle elezioni americane, l’Europa riesce a trovare una linea di politica estera energica grazie alla presidenza di turno di un Sarkozy decisamente in ascesa.

Continua a leggere

Libano, la strada in salita del nuovo governo

Medio Oriente: mentre il processo di pace israelo-palestinese arranca, la Francia torna in prima linea per la stabilizzazione del Libano. Ma Hezbollah non demorde. Continua a leggere

Bomba demografica


Lo scenario del Medio Oriente viene generalmente rappresentato con gli stereotipi della militarizzazione del conflitto, con ripetuti tentativi da parte dei politici di porre un freno alle violenze sia degli israeliani che dei palestinesi o infine con tavole rotonde con attori locali e internazionali impegnati nella ricerca della pace. Eppure è necessaria una diversa lettura dei problemi principali della terra posta fra il fiume Giordano e il Mediterraneo (clicca qui per la cartina ad alta risoluzione). Continua a leggere

Aggiornamento Cipro (07/07) – Imminenti Elezioni Presidenziali Greco Cipriote

di Giacomo Natali

Il futuro di tutte le attuali iniziative in corso sull’Isola, così come i rapporti internazionali di Cipro dipenderanno in gran parte dai risultati delle elezioni presidenziali che si terranno nella Repubblica di Cipro nella primavera del 2008.In questa terza parte dell’aggiornamento alla geopolitica di Cipro si discute questo aspetto cruciale e le remote possibilità che possa portare a qualche mutamento significativo. Continua a leggere